Title: Mortibbricò o divise?

Author:Ciarlo Benito
Subject:POETRY
Source:
Download book:
Words Statistic:words statics
 

Number of words for page:
Benito Ciarlo
tratta da "Poesie romanesche"

°***°***°***°
Mortibbricò o divise?

Sentite: a Tiberiade l'antro giorno
Quell'Omo che da 'po' va predicanno
Ciàveva cinque o sei compagni attorno
E 'n cinquemila staven'aspettanno
Che facess'un discorso lapperlà.
Lui s'è mess'a parlà de fratellanza
De giustizia, d'amore e de bontà
E poi der fatto che nun è la panza
A fa de l'omo l'Omo: è la Speranza
De tutte quante le prerogative
Quella più bella, da perzone vive.
E dice ch'è beato er poveraccio
E 'n cinquemila penzano ch'è vero
Gnisuno mo' se sente più 'no straccio
E vede er suo futuro meno nero.
Pietro, l'amico suo, quello più pratico
Ner vede quella torma che nun molla
Già penza ''manca pane e companatico
Che mangnerà stasera questa folla?''
Cristo s'accorge subbito der fatto
Che spaventa l'amico e je fa' 'n segno:
Pietro s'accosta quasi de soppiatto
Cercanno de capì l'artrui disegno.
Gesù je dice de cavar dar cesto
Li pani e li due pesci de la cena
E di donarli all'antri presto presto.
E Pietro ride, quasi je fa pena:
''Ma caspita so tanti, e che ce famo
con cinque pani secchi e 'n capitone?!''
''Nun statte a preoccupà scuoti quel ramo
e caccia ner cestino quarche fico
vedrai 'sta gente, in meno che nun dico,
se metterà a magnà, farà cenone!''

E magna che te magna a 'n vedi quelli
S'abboffan'alla stregua de porcelli.

'Sto fatto leggerete ner Vangelo
E sentirete dì de 'sto portento
Come fusse un miracolo der Cielo
E miracolo è stato ma stà 'ttento:
si tu lo chiami mortipricazione
commetti un grave sbajio ne li conti;
lo sai ch'è stato? Pura divisione!
De fatti ner ...
Page: 1
 

Help

  • Select one or more words an get availables translation in Logos Dictionary.
  • Set the number of words for each page an refresh the content.
  • Go to begin of the document
  • Go to previous page
  • Go to next page
  • Go to the end of document
  • Libri.it

    MIRALA PESTE SCARLATTAEDMONDO E LA SUA CUCCIAICOSACHI E IL CANE BRUTTO CHE NON VOLEVA NESSUNO
  • Libri.it
  • Treccani