Title: Se po’ cantà d’amore in romanesco?

Author:Ciarlo Benito
Subject:POETRY
Source:
Download book:
Words Statistic:words statics
 

Number of words for page:
Benito Ciarlo
tratta da "Poesie romanesche"

°***°***°***°
Se po’ cantà d’amore in romanesco?

Ha da esse possibbile de certo,
sinnò cum'hanno fatto li romani
a conquistass'er core de le donne?
"Vabbè" ci obbietterebbe quarch'esperto,
"a che je serve er canto a 'sti cristiani?
Loro cce vanno rapidi a le gonne
da quann'a Roma nàscheno li pini:
v'aricordate sì che gran sconcerto
quanno l'hann' arrubbate a li Sabbini?"
"Eddài! Che sta’ a parlà der tempo antico!
Mica so' tempi, questi, de cortelli,
mo' semo più civili, caro amico,
e se volemo bbene da fratelli.
Dunque, si puro a Roma s'amoreggia
è necessario smov'er core ar canto
Mejo de li Poeti d'una reggia"!
Sempre l'esperto dice: "Ve confonne
sta lingua vostra 'n po' litigarella
quanno se tratta de cantà pe 'e donne?"
"Manco pe' gnènte, ch'ànzi! Ce soccore
co' parolette come "ciumachella"
come "te vojo bbene", come "core"
e com'all'antre che ciann'er colore
preciso, spiccicato de l'amore"!
"Sarà… ma quanno che parlate fitto
pare volgare questo vostro idioma…"
"A' COSO! E fa er piacere: statte zitto!
Sinò me scordo che mo' stam'a Roma,
me scordo la civile circostanza,
e cor cortello te buco la panza"!

13 luglio 2000

...
Page: 1
 

Help

  • Select one or more words an get availables translation in Logos Dictionary.
  • Set the number of words for each page an refresh the content.
  • Go to begin of the document
  • Go to previous page
  • Go to next page
  • Go to the end of document
  • Libri.it

    LA PESTE SCARLATTADA SOLOSOLVEIG. UNA VICHINGA NELLA TERRA DEGLI IROCHESILA REGINA DELLE NIAGARA FALLS
  • Libri.it
  • Treccani